lunedì 25 maggio 2015

Talking with Sheng Qi

While writing my final thesis, I realized two interviews: you have just read the first one with Zhang Hongtu, a Chinese artist now based in USA. 
Today I will report my speech with Sheng Qi. He is a Chinese artist too, and, as well as Zhang, he is a representative of Mao-art. In 1989 he moved to London, then returned in Beijing in 1998, but moved to London again in 2010, where he currently lives. 
His art goes through various medium. A relevant theme has been the study of the body language and its culture. The remarkable dripping pattern of paintings, inspired by Pollock, with which Sheng Qi portrays people and places, gives us a sense of decay and darkness. People are quite always hidden behind shadow (which sometimes is Mao-shaped), they seem scared, almost like if they feel obliged to certain actions, deprived of freedom. Looking at his paintings we may perceive the dark side of China, the same side that, even if ceaselessly running towards the future, actually remains blocked in its political mess. 
Sheng Qi is very famous all around the world, not only for his extraordinary art, but also for the brave action he performed during 1989’ protests, cutting off his little finger from the left hand and burying it in a flower pot. 
The interview you find below is focused on the use of Mao icon in his art. Hope you will appreciate it and find it useful. 

1. 1972年沃霍尔绘了《毛泽东》。您什么时候知道这样的信息吗 ??什么是您的反应?
In 1972 Andy Warhol painted “Mao Zedong”. When did you realize it for the first time? What was your first impression? 

I knew it only in 1991. I was astonished by his blue face. 

2. 毛主席图片的回忆怎么样?它的普遍怎么牵动的艺术风格?
What do you remember about his image? How does the diffusion of his icon weight on your artistic style?

They all were common images. Every poster had become ornamental. This was in the style of propaganda posters. 

3. 毛泽东去世的时候您很年轻了,为什么毛泽东还是那么勤的艺术任务?
When Mao died, you were still young, so why he is so important in your art?

I was brainwashed, he is impossible to remove. 

4. 90年代传播“毛热”,您觉得为什么? 艺术家想说什么? 你们的艺术品是一个对西方艺术家跟毛、中国政治有关的画的反应,还是你们要抒发你们的情面、愤怒、惧怕等等?
During the 90’s in China spread Mao Fever, why do you think it happened? What did artists really want to communicate? Were your works a reaction to the western art, rich of connection with Mao and Chinese History, or the wish to express your feeling, anger and fear?

That was a political campaign promoted by radicals. My art is ironic, it tries to ridicule the classic art. 

5. 很多跟毛泽东代没有关系的中国艺术家绘毛主席。您觉得为什么?
A lot of artists, even without a real contact with Mao era, paint Mao. Why do you think it is possible? 
  I don’t know. 

6. 什么让你第一次绘一幅画?怎么开始?
What encouraged you to paint for the first time? In which way did you begin to paint?
I just wanted to express something.

7. 您的画图片对我留下很深的感觉,特别是熔锍的燃料,让我想时间域过,中国域丢失它的元素。是这个意思吗?
Your works have a deep influence on me, especially the dripping technique. It lets me think that China is losing its original feature following the process of time. Is it that way? 
I appreciate your understanding. Yes, it’s quite right. 

8. 您的艺术技术是dripping。这个让我想杰克逊•波洛克的风格,跟他有关吗?
The technique you use is “dripping”. This lets me think about Jackson Pollock, am I right?


Yes, there is a connection between us. It is a way of painting, it is random. 

mercoledì 20 maggio 2015

An interview with Zhang Hongtu

Down here you can find an interview with the master Zhang Hongtu, realized via email last October. I was writing my final thesis on the fortune of Mao icon in the world, so, what better way to communicate directly with the creator of Material Mao?

He is the best known author of satirical images of Mao. Hailing from a Muslim family, he was excluded from partecipating in the Red Guards. His boyhood was strongly influenced by Maoism, expecially during the Cultural Revolution. When he left China to move to USA, he realized that just a few stroke of brush could turn the American icon Wiliam Penn (Quaker Oats' logo) into the Chairman Mao. The work, known as Long Live Chairman Mao (1987), marked the beginning of a long artistic career focused on Mao. Material Mao Series, which started a few years later, is composed by cut-out silhouettes of Mao, moving from positive and negative images, presence and absence, religious and profane, and most important of all, Mao emerging by non-Mao shaped spaces. 

1. 我看了一些采访,您说了毛泽东是中国人生活中最重要部分之一。什么地方都有毛主席的图片:房子里,学校里,车里,书上,等等。毛象的大普遍对您留下什么影响?怎么牵动您的生活、艺术风格?

In some interview you said that Mao had become one of the most important element of everyday life. His icon was everywhere: in houses, schools, cars. This great circulation of Mao image, what kind of impression has made on you? In which way has that image also influenced your life and artistic style?


在文化大革命中,由于毛泽东和林彪,江青等人制造的对毛的个人崇拜,再加上一般老百姓的愚昧无知及根深蒂固的奴性,使得毛泽东的形象遍布普通人生活的每一个角落,猖狂 泛滥。我自己也曾经相信毛,但是文化革命使我亲身经历了毛泽东是如何利用人们对他的信仰,毁灭文化、摧残人性,我开始怀疑他,批判他,并且推而广之,我认为任何“偶像崇拜”都会使人变得愚蠢。这种认识使我的思维变得更加开放,我也不愿意被任何艺术风格束缚。作为艺术家,我认为自由地表达自己高于一切。
我相信形象的力量,但是我不相信形象的權威。一個人在長時間凝視一個紅的形狀而視神經疲勞之後,轉過頭去會看到一個綠色的同樣形狀。當我生活在中國時,隨時隨地都能看到的一個正面 (陽)形象疲勞了我的視神經,使今天的我,腦子裡有了一個同一形象的負(陰)象。在我的作品中,我所作的是將這種心理上的感覺轉變成一個實在的物體。

During the Cultural Revolution, Mao, Lin Biao, Jiang Qing and suchlike, has built the cult of Mao. Ignorance and deep-rooted servility of common people let those images wildly overwhelm life. I believed in Mao, but Cultural Revolution made me experience the way in which Mao could use the devotion of people as a political tool, putting an end to culture, destroying minds. I began to suspect of him, to disapprove his actions. At the same time I understood that image-devotion could make people foolish. Such awareness let me change idea and open my mind. I don’t think to be linked to a certain style. As an artist, I believe that the free expression could make yourself a better person.

"I believe in the power of the image, but I don't believe in the authority of the image. If you stare at a red shape for a long time, when you turn away, your retina will hold the image but you will see a green version of the same shape. In the same way, when I lived in China, I saw the positive image of Mao so many times that my mind now holds a negative image of Mao. In my art I am transferring this psychological feeling to a physical object."

2.            为什么最终决定了迁徙美国?我觉得这样的决定改变了您的生活,怎么样?

Why did you decide to move to USA in the end? This choice must have revolutionized your life, I guess. How?



Even though from 1979 Deng Xiaoping has launched “Reform and Opening” policy, the dictatorial role of CCP had never changed. That time, we had less cars, pollution wasn’t terrible, but political atmosphere was smothering me. I couldn’t do my art freely. America attracted me so much, but the point wasn’t to move to USA, the point was to leave China. When I definitively migrated, my feeling was: as a man and as an artist, I was simply reborn.

3.            毛泽东是您艺术品最勤的人物,这个是您的选择还是自发的?

Mao is a protagonist of your art. Is it a choice or it comes naturally instead?



At the very beginning it was natural, then turned into a personal choice.

4.       1972年沃霍尔绘了《毛泽东》。世界上大部分的人知道它。毛泽东像成为一个标志和伊丽莎白•泰勒、玛丽莲•梦露一样。您什么时候知道沃霍尔绘那幅画吗?您的第一个感觉是什么?很多西方艺术家绘了毛主席,您的见解是什么?

In 1972 Warhol realized “Mao”, known all around the world. Mao icon became a symbol, as well as Liz Taylor and Marilyn Monroe. When did you find out about it for the first time? What was your first feeling? A lot of western artists painted Mao, what is your idea about it?


大约是1982年夏天,在纽约的Metropolitan Museum 第一次见到 Andy Warhol的毛泽东作品。感觉很新奇,因为 Warhol 没有像中国画家那样用画圣像的方法表现毛。是的,Salvador Dali, Sigmar Polke 等西方艺术家在作品中也都用过毛的肖像。毛对于这些艺术家,像对于 Warhol 一样,毛等同于Marilyn Monroe,等同于 Campbells Soup can, 只不过是另一个 popular image。他们的作品对于毛没有质疑,没有批判,他们的毛和中国的政治,中国的社会没有关系,这些作品不可能触动中国人的神经。

Approximately on summer 1982, at Metropolitan Museum of New York, I saw Warhol’s Mao for the very first time. The first impression was a new and strange thing. Warhol, differently from Chinese artists, didn’t paint Mao as a holy icon.
Yes, I know a lot of artists such as Salvador Dalí, Sigmar Polke and others used his portrait. But for these artists, Mao, as well as Marilyn Monroe or the Campbell’s Soup, were all considered simply popular images. Their works actually didn’t refer to Mao, didn’t disapprove him. These Mao were not related to Chinese politics and society, so they couldn’t move the feelings of Chinese people at all. As a dictator, as an icon worshipped by millions of people, Mao has to be criticized and overthrown, otherwise, China won’t have a future, won’t never become a democratic nation, Chinese people will never have rights. I wish the whole population will criticize Mao. Those artists who care about society, could not only make arrangements with police, they have to challenge the Chinese social system and clarify the role of Mao in the devastation of culture and human nature.

5.            《物质毛系列》对我留下很深的的影响,让我想古代中国的信仰。毛泽东空的形状跟宗教有关吗?

Material Mao Series left me a deep impression, let me think about Chinese ancient beliefs. The Mao shaped empty spaces are linked to religions, aren’t them?



Yes, they are linked to Yin and Yang’s theory. The Islamic rejection of images also influenced me.

6.            《物质毛系列》用很多材料,意思是毛泽东什么地方都有吗?

Material Mao Series use a lot of material. I think it means that Mao is everywhere.



Essentially is that way.

7.            您的艺术品有个准确的意思、寓意吗?

Do your works bring  certain messages and meanings?


是的,我的作品都有一定的意思, 也有寓意。我希望我的作品是 “空洞无物” 的反面。我想中国政府也懂得我的作品的意思,这就是为什么今天我的作品仍然不准在中国展览。

Yes, my works have a specific meaning. I hope they are quite the opposite of “substanceless”. I hope the Chinese government too may understand this sense, that is exactly why my works still cannot be exhibited in China.

You may also be interested in: Museum Of My Art, official website of Zhang Hongtu. 

Thanks to Zhang Hongtu. 

martedì 19 maggio 2015

Zhang Hongtu e vuoti di Mao

Zhang Hongtu 张宏图nasce nel 1943 a Pingliang nella provincia del Gansu da una famiglia musulmana. Negli anni Sessanta si iscrive alla Central Academy of Arts and Crafts a Pechino. Il padre, membro della Chinese Islamic Association, viene etichettato come “elemento di destra”, accusa che precluderà l’arruolamento dell’artista alle Guardie Rosse, e gli vieterà di dipingere Mao. Nel 1980 il gruppo di pittori contemporanei dell’accademia organizza un’esposizione alla National Gallery of Art, alla quale partecipa. Nel 1982, sentendosi costretto ad una vita piena di limitazioni, vola a New York, e inizia a studiare arte presso la Art Student League. Visita musei, conosce artisti, inizia a dipingere su carta di riso o di giornale. Al Metropolitan Museum osserva il Mao di Andy Warhol e rimane colpito dalla leggerezza della sua espressione. Per lui, cresciuto con la concezione che l’immagine del leader fosse una reliquia sacra, il solo cambio di colore sullo sfondo è profanatorio. Soltanto nel 1987 avrà il suo primo approccio con l’icona di Mao. Ispirandosi ai lavori di Aleksandr Kosolapov che abbinava la figura di Lenin a quella della Coca-Cola, produce il primo lavoro della serie Lunga vita al Presidente Mao, in pieno stile Pop Art. 
Zhang Hongtu, Lunga vita al Presidente Mao No. 39,
1989, acrilico su carta e alluminio,
24,4 x 12,7 x 12,7,
Londra, Saatchi Gallery,
Sulla lattina del Quaker Oats, il volto di William Penn si trasforma in Mao. Zhang interviene con colore acrilico e sostituisce al cappello dell’uomo i raggi del sole con cui era solito essere rappresentato il leader durante la Rivoluzione Culturale, aggiungendo anche il cappello delle Guardie Rosse. Quella che può sembrare una critica alla politica economica della Cina, è in realtà un semplice accostamento iconografico casuale. Il critico Wu Hung definì l’opera come il primo vero lavoro appartenente al movimento Political Pop, ma lo stesso autore smentì tale lettura giustificando il lavoro come il fallimento del tentativo di liberarsi della figura di Mao [1]La sua immagine era così presente nella mente dell’autore che poteva esser vista in ogni circostanza, in qualsiasi personaggio.  
Così, facendo delle piccole variazioni, il simbolo di una delle catene più note d’America, diventa il simbolo cinese. È difficile non notare le connessioni artistiche con i Campbell’s di Andy Warhol ma, come sostiene Schell, l’utilizzo che Zhang fa di Mao, e in generale l’uso che ne fanno gli artisti cinesi contemporanei, è l’esatto opposto: Warhol trasformava icone profane in immagini sacre attraverso la riproduzione seriale di esse, Zhang e gli artisti cinesi invece trasformano la sacralità del leader in profano [2]
Tale azione, ha richiesto una grande forza da parte degli artisti cinesi. L’autore in un’intervista dichiara che ritagliare un’immagine del Presidente, o semplicemente pensare a lui in una maniera diversa dal convenzionale, era accompagnata da sensi di colpa, tale era la sottomissione psicologica che aveva subito [3]
Nel 1989 la protesta di Tiananmen lo spinge a manifestare contro il governo cinese e a provare nuove tecniche, nuovi soggetti. Inizia qui il percorso con Mao che lo porterà alle serie Material Mao, Fashion Mao e ad una delle sue mostre più importanti al Bronx Museum di New York.Zhang Hongtu è un artista che fa eccezione per diversi motivi, innanzi tutto la provenienza da una famiglia musulmana, in secondo luogo è uno dei pochi che emigra e sceglie consapevolmente di non voler tornare nel paese d’origine.
 Sarà proprio la lontananza da casa ad aprire la strada della consapevolezza. Vivere in Cina durante l’epoca maoista ha significato per molti cinesi rientrare in una logica di accettazione delle cose, accogliere senza domande fondamenti ideologici, crescere con miti sociali. Il distaccamento da questo sistema ha provocato una rottura non solo col proprio paese, ma con se stessi. Nell’intervista telematica che mi ha concesso, riportata nell’appendice del presente studio, l’artista afferma che emigrare negli Stati Uniti ha significato la rinascita, in quanto uomo e in quanto artista. Lasciarsi alle spalle alcuni aspetti della vita cinese ha rappresentato uno scoglio, soprattutto per quanto riguarda l’immagine di Mao. L’artista ha spiegato più volte il proprio attaccamento all’icona del leader attraverso l’occhio che, esposto troppo tempo ad un’immagine rossa, quando distoglie lo sguardo continua a vedere la stessa immagine, ma nella versione verde. Allo stesso modo, una volta arrivato a New York, sebbene non più esposto all’immagine positiva di Mao, Zhang continuava a vedere quella negativa [4]
Rappresentare il Grande Timoniere diventa per l’artista un’esigenza curativa, un antidoto contro l’ossessione di Mao, al fine di liberare la sua immagine dalla pienezza politica e autoritaria. Gran parte dei lavori consisteranno infatti in uno svuotamento della forma del Presidente. 

“Credo nel potere delle immagini,
ma non credo nella loro autorità”

Zhang Hongtu, L’ultima Cena, 1989, acrilico su tela, 152,4 x 426,7 cm, collezione privata

L’opera L’ultima cena è figlia di tale dichiarazione. Zhang Hongtu riproduce Cenacolo di Leonardo da Vinci in chiave maoista.  I dodici apostoli vengono qui rappresentati come una parodia del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese [5]
Il dipinto originale raffigura l’ultima cena di Cristo, è perciò legata inderogabilmente alla sfera sacrale. L’associazione tra religione e Partito è dunque un riferimento volutamente appesantito da una critica al potere dell’organo supremo cinese. Oltre a sottolineare la venerazione di un organo politico, l’artista vuole concentrare l’attenzione su come la figura di Mao si sia sovrapposta a qualsiasi altro membro del Comitato. I dodici apostoli, sono infatti dodici versioni del leader. Il “Mao-Cristo” al centro della tavola rossa, davanti ai microfoni, presiede il dibattito. Gli altri discutono delle parole pronunciate. Zhang Hongtu ci fa riflettere sul fatto che Mao abbia costituito per molto tempo la voce principale, essendo egli ideatore ma anche lo stesso a confutare la propria idea, l’unico a poter realmente esprimersi in merito alle decisioni. Da tale posizione ne deriva l’ascendente religioso.L’opera è un ponte tra tradizione cinese e occidentale. Il dipinto è infatti arricchito da elementi-simbolo della Cina, come le bacchette, la Grande Muraglia sullo sfondo e lo stesso Mao.
Ma l’elemento che più di tutti merita una riflessione è la presenza di due Mao vestiti allo stesso modo. Quello centrale indossa la stessa divisa verde dell’originale Giuda. Il Mao-Giuda però non tiene in mano il sacchetto di denari come nella versione di Leonardo, bensì il Libretto Rosso. La comprensione di tale elemento va cercata nella storia del personaggio biblico. Giuda Iscariota, credendo che il Messia avrebbe capovolto l’ordine delle cose e preso potere del regno di Israele, sceglie di entrare a far parte della sua cerchia, sperando di poter fare parte un giorno dell’élite regnante dopo la “rivoluzione”. Lo venderà poi per trenta monete d’argento. Il tradimento è testimoniato nel dipinto dal sacchetto di denari che il personaggio tiene in mano. Allo stesso modo nell’opera di Zhang Hongtu Giuda tiene il Libretto Rosso, come se fosse l’elemento che più di tutti tradì l’ideologia maoista [6]
Zhang Hongtu, Material Mao Series, Wire Mesh, 
1992, acciaio, 91,4 x 69,8 x 21,5 cm, 
collezione privata , (
Mao è stato tradito dallo stesso Mao, dalla sua ideologia.La religione è un elemento importante, testimone della venerazione del leader cinese. Rimarrà una costante, sebbene non palesata iconograficamente come in questo caso, di moltissimi altri lavori dell’artista. Nella serie Material Mao (Wuzhi Mao xilie, 物质毛系) infatti, la tematica religiosa fa da sfondo ai ritagli dell’immagine del leader. I lavori iniziarono nel 1987 e terminarono nel 1995, quando l’artista passò alla pittura di paesaggi shanshui 山水 (montagne e fiumi). 
La serie Material Mao come vediamo è composta da ritagli del contorno di Mao in diversi materiali. L’assenza dell’immagine è strettamente legata all’aspetto spirituale. Innanzitutto Zhang Hongtu proviene da una famiglia musulmana. Nella tradizione islamica la rappresentazione di dio e delle icone in generale è assolutamente vietata, eppure durante la Rivoluzione Culturale ogni famiglia musulmana cinese possedeva immagini del leader in casa. Da questo punto di vista l’artista coinvolge la propria esperienza, sia familiare che politica, per esprimere la contraddizione tra fede e politica. Mao, come Marx, sosteneva che la “religione è l’oppio dei popoli”. Durante la Rivoluzione infatti ogni oggetto o testo religioso fu distrutto. Usando le parole dell’artista, Mao creò un vuoto di fede, ma allo stesso tempo si servì della propaganda per rendere se stesso un’icona religiosa [7].
Zhang Hongtu, Material Mao Series, Grass,
 1992, terra, legno e ferro, 104,1 x 100 cm,
 collezione privata, (

Il concetto di vuoto e vacuità è inoltre un elemento fondamentale del Buddhismo, pur non essendo l’artista legato personalmente a tale religione. Se non è corretto affermare la totale assenza delle cose, è allo stesso modo errato accettare la realizzazione della totalità dei fenomeni, pertanto la filosofia buddhista individua il “giusto mezzo” nel concetto di vacuità. Le opere di Zhang Hongtu dunque, non sono affatto vuote, ma una via di mezzo tra presenza e assenza. L’immagine di Mao infatti è assente in quanto non si manifesta concretamente, ma nello stesso tempo è presente in quanto il materiale che circonda il ritaglio possiede la forma del volto del leader. Come mostra il testo riportato in fondo, un ulteriore coinvolgimento filosofico va ricercato nella dottrina taoista [8].  Il Tao, che esiste in tutte le cose e viceversa, garantisce l’equilibrio cosmico. Il concetto di wuwei 无为 si basa sulla consapevolezza da parte dell’uomo di non essere sorgente di tutte le cose, in quanto lo è il Tao solamente. L’equilibrio si mantiene non attraverso l’azione, ma con la non azione. Paradossalmente però il rimanere fermi è esso stesso movimento, quindi il senso profondo di tale principio è l’agire senza agire. La complementarità tra la figura ritagliata di Mao e il materiale che la racchiude richiama lo Yin e lo Yang, forze opposte ma sempre in equilibrio. Così ogni opera rispetta la naturale convivenza tra pieno e vuoto, Mao e Non-Mao. La sua assenza d’altronde esiste solo in relazione alla sua presenza materiale. Il nome Material Mao nasce proprio dal contrasto con l’immaterialità del leader. Lo spazio vuoto è infatti privo di materia, ma determina la forma della materia che gli sta intorno.
L’artista scelse di lasciare la Cina ma in realtà fa ampio uso di aspetti appartenenti alla cultura d’origine. Material Mao fonde elementi del background culturale in cui l’artista è cresciuto, mescolando religioni e materiali molto vari.
Relativamente a questi, oltre al riso e al mais, tipicamente cinesi, Zhang utilizza acciaio, corda, cemento, legno, iuta. Il senso di tale varietà è questa volta legato non solo ad un aspetto filosofico ma anche politico. La grande venerazione di Mao lo ha reso onnipresente, da qui la scelta di rappresentarlo su mezzi diversi. Politicamente ha svoto un ruolo fondamentale in tutti gli ambiti, la sua voce ha attraversato migliaia di chilometri, giungendo in ogni parte della Cina e oltreoceano. L’artista sceglie di testimoniare questo fenomeno attraverso i materiali, come se il leader fosse dotato del potere di permeare qualsiasi cosa, di insediarsi ovunque.
Mao è morto da diversi anni ormai, ma continua ad essere presente, con la sua assenza. Ha lasciato un buco, la sua orma, intorno alla quale continua a crescere l’erba, o il mais. Ed è proprio la sua assenza, a determinare la forma di ciò che ha intorno. Le opere si presentano come un’aspra critica nei confronti del governo cinese, incapace ancora di abbandonare il Maozedongpensiero. Così la Cina non ha mai perso coscienza del Presidente, che continua ad essere parte della nazione. Un problema, questo, che Zhang Hongtu riconosce come responsabile della mancata democratizzazione del paese. La Cina è andata avanti rimanendo ferma, realizzando così il concetto di non movimento taoista.
Solo criticando Mao il dittatore, avanzerà verso il futuro.

[1] THUY, Linh N. Tu, The Beautiful Generation: Asian Americans and the Cultural Economy of Fashion, Duke University Press, Durham, 2011, p. 148
[2] SCHELL, Orville, Mandate of Heaven: The Legacy of Tiananmen Square and the Next Generation of China’s Leaders, Touchstone, New York, 1995, p. 291
[3] RONG, Xiaoqing, 荣筱箐, Yueliang beimian de ren: Liu zai niuyue de huaren yishujia, 月亮背面的人留在纽约的华人艺术家, 2015,, 07/11/2013
[4] HE, Peiru, 何佩如, Hong kuang yishujia, 轟狂藝術家, FHM (Taiwan) zazhi, FHM(台灣)雜誌 (2006). Disponibile online in 
[5] SCHELL, Orville, Mandate of Heaven: The Legacy of Tiananmen Square and the Next Generation of China’s Leaders, cit., p. 190
[6] HAY, John, Boundaries in China, Reaktion Books Ltd, London, 1994, p. 296
[7]   Tratto da un’intervista rilasciata al Guggenheim Museum, inviatami dall’artista.
Mao created a huge vacuum of belief, and at the same time, he used his power and all the propaganda tools including literature, art, make himself a new religious icon”.
[8]   Estratto da: CAO, Zhangqing, 曹长青, Mao Zedong de heidong-lü mei huajia Zhang Hongtu de Mao xiang xinzuo, 毛泽东的黑洞 旅美画家张宏图的毛像新作, Hun shi mo wang, Mao Zedong, 混世魔王,毛泽东 (s.d.), p. 110. Il testo è disponibile nell’appendice del presente lavoro

Yu Youhan nella Serie Mao

Yu Youhan余友涵nasce nel 1943 e si laurea alla Central Academy of Art and Design di Pechino nel 1973. Nei primi anni Sessanta si arruola con lesercito e inizia a dipingere, ma nei primi periodi della Rivoluzione Culturale viene criticato dallAccademia darte con l’accusa di dipingere vite morte anziché accogliere il grido di Mao e dunque seguire lo stile del realismo socialista. Dopo la laurea si trasferisce a Shanghai, dove tuttora vive, e insegna alla Shanghai Art and Design Academy. Negli anni Ottanta, la morte di Mao spinse Yu a cimentarsi nella pittura astratta, cominciando a metà del decennio la Circles Series. 
Con l’avvento dell’era delle riforme l’artista sentì come molti altri che era il momento di provare nuove esperienze artistiche. Inizia a leggere testi di storia dell’arte, conosce la Pop Art americana e ne rimane affascinato. L’America era il paese dei prodotti di consumo, delle catene come Mc Donald’s, delle grandi stelle del cinema. La Pop Art rifletteva dunque questo lato, rappresentando prodotti di uso quotidiano, grandi personalità, attori, cantanti, ma anche politici, come abbiamo visto, divenuti anch’essi merce. In Cina invece c’era la politica, in tutto e in tutti. Ogni momento della giovinezza dell’artista è legata a questo.
“E così, se voglio esprimere la mia giovinezza, non ho scelta se non dipingere Mao, il vero nucleo di quell’era. Dipingendo Mao, in realtà, dipingo la mia vita in quel periodo” [1]

Nel 1989 partecipa alla mostra China Avant-Garde Exhibition, è l’anno in cui inizia la Mao Series. Il primo lavoro di questo genere ritrae il leader nella classica posizione di Tiananmen, arricchito da fiori sul petto, per i quali si ispira ai ritratti del Presidente di Wang Ziwei  [2]Nel 1991 dipinge Parlando con i contadini dello Hunan, ispirato ad una foto scattata a Mao negli anni Cinquanta insieme ad una famiglia di contadini nel villaggio di Shaoshan [3].
Yu Youhan, Parlando con i contadini dello Hunan,
1991, acrilico su tela,
 collezione privata
I contorni dei personaggi sono evidenziati da bordi di colore, che richiamano lo stile della Pop Art americana. L’opera è un punto di incontro tra lo stile occidentale e quello cinese. L’autore ha arricchito il dipinto con l’aggiunta di motivi decorativi che richiamano l’arte popolare mentre i colori e i personaggi ritratti ricordano i manifesti di propagandaYu Youhan realizza dunque una versione esagerata, sia nello stile di pittura che nel comportamento dei soggetti, dei vecchi manifesti proponendo un diverso rapporto tra Mao e le masse. Il Presidente, come in altri lavori precedentemente analizzati, perde qui tutta l’austerità associata al suo personaggio. L’artista riduce il potere della sua immagine, per impossessarsi del momento in cui Mao non è più capace di incutergli timore. Lo ritrae sorridente, rilassato, non più al di sopra della gente, ma in mezzo, in posizioni naturali. Le decorazioni, che rendono l’idea di carta da parati, sebbene sminuiscano la posizione di Mao, non vogliono schernire la sua figura. L’intento di Yu Youhan è quello di riportare Mao nella sua dimensione originaria, quella umana, non a caso la scena è ritratta a Shaoshan, villaggio natale di Mao, punto di partenza. Il Grande Timoniere abbandona la sua posizione di superiorità, equiparata al sole, per scendere dove ha sempre detto di trovarsi, in mezzo al popolo, confondendosi con esso. Mao è parte della Storia non per il suo carattere divino, ma per quello umano. Nuovamente ci troviamo di fronte ad una funzione “guaritrice” della figura del Presidente, utilizzata anche nel caso della serie Rosso come una forma di esorcizzazione del dolore provocato dal periodo maoista.Un elemento ricorrente nei lavori di Yu Youhan è inoltre il confronto con la potenza americana. 
Yu Youhan, Con amore, Whitney, 1992,
acrilico su tela, collezione privata,
Nel 1992 dipinge Con amore, Whitney, in cui prevale proprio questa dimensione. Poco dopo la morte del Presidente,  Yu Youhan acquista un libro di fotografie del leader,  alcuni anni dopo, da una rivista,  ritaglia l’immagine di Whitney Houston e decide di accostarla a quella di Mao. 
A destra, la cantante americana, sorride, saluta i propri fan. L’accostamento delle due figure, diverse tanto quanto lo erano Mao e Marilyn, pone l’accento sulla similitudine con cui si crea l’immagine delle personalità di spicco. Entrambi sorridono, sebbene ad un pubblico diverso, ed entrambi hanno un valore per il pubblico. Yu Youhan li raffigura ciascuno con lo stile che più gli si addice: Mao è ritratto nello stile dei poster di propagnada, la Houston in quello della Pop Art. La loro unione sta nel ruolo che svolgono. L’opera fu esposta a La Biennale di Venezia nel 1993 e riscosse molto successo, forse anche per la novità che poteva rappresentare un Mao raffigurato accanto ad una icona così differente [4].

Yu Youhan, Mao silhouette, 2000, olio su tela, 
63 x 61 cm, 
collezione privata, 
In un lavoro più recente, realizzato nel 2000, Yu Youhan propone una nuova visione del leader. Mao silhouette ritrae infatti il Presidente nella sua più totale assenza. Non ci sono i tratti somatici del viso, né particolari del vestiario, solo fiori racchiusi in una silhouette. Eppure, nonostante la mancanza di indizi, percepiamo la figura e la presenza di Mao.  I fiori, come abbiamo già visto, rappresentano la tradizione popolare. Da questo punto di vista l’opera assume un significato importante. La tradizione cinese, i suoi costumi e la sua cultura, racchiudono, anzi compongono la forma del leader. O forse è vero anche il contrario, è lo stesso Mao che dà forma alla tradizione cinese.

L’autore ci porta dunque in un’altra dimensione, quella della psicologia. Si sofferma sul dualismo assenza/presenza aiutandoci a riflettere sul valore della figura di Mao, ingombrante anche nella sua assenza. Come già specificato altrove, l’intento dell’autore non è quello di demolire la sua figura, quanto quella di ricomporre i pezzi di un puzzle. 


[1] OBRIST, Hans Ulrich, ZOU, Diyang, 邹狄洋, ENGSTROM,  Michael Einar, DU, Keke, 杜可柯, Yu Youhan: liudong yu juti, 余友涵:流动与具体, 2013,, 15/03/2011
[2] Intervista a Yu Youhan, realizzata da Shanghai Arts and Crafts College, Shanghai, 03/03/2009. Disponibile in lingua originale in
[3]   JIANG, Jiehong, Burden Or Legacy: From the Chinese Cultural Revolution to Contemporary Art, Hong Kong University Press, Hong Kong, 2007, p. 18
[4] WANG, Yichuan, Yu Youhan: bianhuan fengfude yishujia, 余友涵变幻丰富的艺术家, 2014,, 28/06/2013